4 ottobre 2016 - STOP ALL’ICTUS: PREVENZIONE DEI FATTORI DI RISCHIO CARDIOVASCOLARI. Interclub con il RY Mantova San Giorgio. Relazione del Prof. Roberto Zanini, primario di Cardiologia al Poma, intervistato dal nostro socio Dott. Gian Paolo Guerra, cardiologo.

La Dott.ssa Maria Giuseppina Sordi (Past President del RC Mantova San Giorgio), il Prof. Roberto Zanini (relatore),

il Dott. Renzo Tarchini (Pres. del RC Mantova),

il Sig Tommaso Tagliente (Pres, RC Mantova San Giorgio) e il Dott. Gian Paolo Guerra

 

 

A sx l'Avv. Araldi (Pas President del RC Mantova)

 

 

 

 

 


Ogni sei secondi, nel mondo, una persona viene colpita da ictus, indipendentemente dall’età e dal sesso. In Italia è la terza causa di morte dopo l’infarto ed i tumori e la prima causa di disabilità.
Il messaggio che arriva dalla VII giornata mondiale contro l’ictus (che si celebra il 29 ottobre) è che questa catastrofe può essere prevenuta e curata.
Però in Italia si fa poca prevenzione e soltanto il 40% delle persone colpite da ictus arriva in ospedale entro le prime 3/4 ore.
Per la prevenzione primaria dell’ictus si deve intervenire sulle abitudini di vita: dieta, fumo, attività fisica e prevenire e curare alcune malattie che più frequentemente predispongono all’ictus: ipertensione arteriosa, diabete mellito, dislipidemia ed alcune malattie cardiovascolari quali la fibrillazione atriale e la stenosi
carotidea.
La fibrillazione atriale è responsabile del 15/20% degli ictus ischemici, è dovuta ad un disturbo del ritmo cardiaco che provoca una paralisi dell’atrio con la formazione di coaguli (trombi) che possono embolizzare nei vasi cerebrali occludendoli e causando un ictus ischemico.
Attualmente è possibile curare la fibrillazione atriale con le tecniche elettrofisiologiche di ablazione, scoagulando i pazienti con vecchi e nuovi farmaci ed anche occludendo l’auricola sinistra per via percutanea (una delle nuove metodiche di emodinamica strutturale che viene effettuata anche nella nostra Cardiologia
di Mantova.

..\..\relazioni\Zanini_4-10-16\ROTARI Ottobre 2016.ppt