Mercoledì 8 marzo.

“Il Tesoro Resort” – Rivalta S/Mincio. Conviviale.

Interclub con RC Mantova Postumia, Mantova Sud e Castiglione delle Stiviere.

 Relazione della Dr.ssa Silvana Arbia – Magistrato Internazionale sul tema: “Mentre il Mondo stava a guardare” – Le battaglie di una Donna Magistrato nel nome della Giustizia di fronte a crimini internazionali

 

 

Il Governatore del Distretto 2015 (Angelo Pari)

 

La relatrice

 

A sx il Pres. del RC Mantova (Dott. Renzo Tarchini)

8 marzo 2017 - “Il Tesoro Resort” – Rivalta S/Mincio Conviviale - Interclub con RC Mantova Postumia, Mantova Sud e Castiglione delle Stiviere Relazione della Dr.ssa Silvana Arbia (Magistrato Internazionale, autrice del libro “Mentre il Mondo stava a guardare” – Le battaglie di una Donna Magistrato nel nome della Giustizia di fronte a crimini internazionali).
Contrariamente a quanto generalmente si pensa, il Tribunale di Norimberga (che non fu un tribunale neutrale, ma dei vincitori) non si occupò di genocidio, perchè tale reato fu introdotto nel Diritto penale internazionale dopo la seconda guerra mondiale nella Convenzione di Ginevra del 9 dicembre 1948. Infatti il primo genocidio della storia fu quello del Ruanda, di cui la relatrice si occupò personalmente. "Una tragedia evitabile, perchè fu consumata sotto gli occhi di tutti. Ma nessuno si mosse". In grave ritardo Il Consiglio di Sicurezza dell'ONU istituì un Tribunale per quel Paese e un altro per la ex Jugoslavia. Proprio la prima sentenza sul Paese africano, emessa il 2 settembre 1998, definì la natura del genocidio, che si può senza dubbio considerare il crimine più grave, perchè mira a distruggere razza, economia, nazione e religione: così grave che persino l'istigazione a commettere tale crimine è considerata reato di genocidio. Ma anche lo stupro, se programmato in modo sistematico rientra in tale crimine. Uno dei problemi più odiosi riguarda poi lo sfruttamento di minori giovanissimi, avviati a fare i soldati. E ancora peggiore è la situazione delle bambine-soldato, destinate a diventare schiave sessuali.
I Tribunali penali internazionali si occupano anche di crimini di guerra e di crimini contro l'umanità (quando vengono commessi contro la popolazione civile). Ultimamente è stato inserito pure il crimine di aggressione. L'Italia, con moltissimi altri Paesi, riconosce l'autorità della Corte penale internazionale, che ha sede all'Aja. Ultimamente si è aggiunta anche la Palestina. Ma gli Stati Uniti, la Cina e la Russia se ne stanno fuori.
Infine c'è il problema dell'ONU: "E' giusto informarsi su quello che possono fare le Nazioni Unite, ma sarebbe anche opportuno pensare a migliorarne le regole"- ha concluso.