PANE, AMORE E MARATONA

Alessandro Balestrieri

Il relatore e il Presidente del RC Mantova (Avv. Erminio Araldi)

 

1 giugno 2016 - "Pasta, amore e maratona". Con questo titolo il commercialista Ermanno Balestrieri, ex appassionato di moto-turismo convertitosi alla corsa di lunga durata nel 2003 un po' per caso, ha presentato al nostro club una serie di diapositive scattate in occasione di gare cui ha preso parte in tutto il mondo.
In 13 anni si è cimentato in ben 17 maratone, percorrendo tra allenamenti e competizioni più di 21 mila chilometri. E non ha alcuna intenzione di smettere, perché ormai "si è creata una dipendenza - ammette - e non riuscirei a non correre, persino se fosse vero che la maratona non garantisce al cento per cento la buona salute". 
Ma il nostro concittadino non ha nulla da temere, perché vanta un "test Conconi" di ben 179 pulsazioni al minuto (cioè comincia ad affaticarsi ,accumulando acido lattico, ad una soglia da autentico campione), mentre i suoi coetanei hanno una frequenza cardiaca teorica massima di circa 155. "A riposo - aggiunge - ho 58; e corro senza superare i 145 battiti al minuto".
La maratona, che è una delle pochissime discipline in cui gareggiano assieme atleti di massimo livello con persone anche modeste, può essere considerata il simbolo dello sport di massa. Basterebbe citare quella di New York, cui si iscrivono quasi 50 mila corridori. 
I partecipanti più numerosi sono i giapponesi, poi gli americani, i francesi e i tedeschi. Gli africani sono invece specializzati nell'agonismo ad alto livello. 
"La maratona più bella - a suo parere - è quella di Roma, seguita da quella di Venezia. E' davvero emozionante trovarsi di fronte o di fianco a famosi capolavori". 
La preparazione è fondamentale: si allena per 6 mesi prima di una gara e ne fa 2 all'anno (quindi senza sosta).
Importantissima l'alimentazione e lo stile di vita: soprattutto pasta, acqua, poco vino, niente super-alcolici né fumo.
L'amore è tutto rivolto alla famiglia e al lavoro.
Ma la passione è unica ed è tutta rivolta a questa disciplina, che esige una grande convinzione in allenamento e in gara.
All'inizio della conviviale, che si è svolta al Ristorante Aquila Nigra, sono stati presentati i due nuovi soci Valeria Fasolato ed Alessandra Pezzoli.