INIZIATIVE DEL  RC MANTOVA

 

Il prof. Rolando Paladini, primario della Rianimazione, ha incontrato gli studenti della Consulta Provinciale giovedì 28 gennaio presso l’ITAS Mantegna di Mantova. ...

 

... L’argomento trattato riguardava le conseguenze degli incidenti stradali, in relazione anche all’assunzione di droghe ed alcool. Molto l’interesse dimostrato dai ragazzi, impressionati soprattutto dai dati statistici che pongono la nostra provincia al secondo posto dopo Rimini. Nelle prossime settimane i ragazzi visiteranno il sistema 118- pronto soccorso- rianimazione del Carlo Poma. All’incontro, organizzato dal Rotary Club Mantova nell’ambito delle iniziative di servizio rivolte ai giovani, erano presenti anche le prof.sse Luigia Bettoni e Lidia Cagioni e la prof.ssa Laura Lui, responsabile della consulta studentesca provinciale.

 

 

 

La prevenzione è migliore della cura, tant’è che se applicassimo sempre questo precetto non ci accadrebbe mai nulla di male. Ma come impedire i comportamenti a rischio degli adolescenti che si sentono immortali, vogliono forti emozioni e, come dice uno di loro, per il gruppo non sei nessuno se non cadi a terra ubriaco? Il progetto del Rotary club di Mantova si basa sul principio che per fare prevenzione non bastano parole astratte, ma occorre far vedere ai ragazzi le conseguenze degli incidenti stradali.

Il socio Prof. Rolando Paladini, primario del reparto di rianimazione del Carlo Poma, affronta con gli studenti da un punto di vista scientifico il problema degli incidenti stradali del sabato sera, divenuto gravissimo dal 2001, quando la Gazzetta di Mantova, l’Ufficio Scolastico Provinciale e altre agenzie risposero all’appello dei genitori che assistevano i figli in rianimazione per realizzare iniziative di educazione dei giovani. Il Rotary club di Mantova anche quest’anno rinnova il progetto I traumi della strada-La sfida per la vita. Il Prof. Paladini ha mostrato agli studenti della Consulta, che rappresentano tutte le Scuole Superiori, i dati statistici allarmanti della nostra provincia, seconda dopo Rimini e Riccione per incidentalità. Con immagini molto eloquenti ha presentato le alterazioni del sistema nervoso centrale causate dall’alcol e dalle sostanze psicotrope, le radiografie con traumi alla colonna e agli organi interni, ne ha illustrato le complicazioni, spesso severe, e le conseguenze, quali la dialisi e il coma. All’incontro, tenuto all’Istituto Tecnico Mantegna, giovedì 28 gennaio, con il patrocinio dell’USP, seguirà la visita del reparto di Rianimazione da parte dei ragazzi che ne hanno fatto richiesta, perché il comportamento responsabile non sia la rinuncia al divertimento ma la difesa della propria vita e di quella degli altri.

 

Lidia Cagioni