Embrione, persona o cosa? Problemi etici di inizio vita

Prof. Giorgio Zamboni, presidente dell'Accademia Virgiliana

 

Prof. Giorgio Zamboni, Rag. Gian Paolo Tosoni (pres. del RC Mantova). Sig.ra Barbara Ansaloni (pres. dell'Inner Wheel Mantova)

  

   Il relatore, laureato in medicina e in filosofia, ha iniziato la sua riflessione partendo dalla distinzione fra persona e cosa.

 Si è poi chiesto se l’embrione abbia statuto di persona e al riguardo ha presentato le convinzioni  di cattolici e  laici. Per i primi l’embrione, dal momento della procreazione, è persona con delle potenzialità, per i secondi è persona in potenza, con tutto ciò che  consegue da questa fondamentale distinzione.

   Ma, al di là delle disquisizioni filosofiche e scientifiche, l’embrione va rispettato e tutelato in quanto tale, merita riconoscimento e amore non necessariamente da parte del generante, sulla base dell’etica della quotidianità, della prossimità, dell’umano.