PROGETTI  ATTUATI       

 

      Caro Socio, riporto una sintesi dei principali progetti attuati e dei fondi erogati, ove necessario per attuarli, sempre con la collaborazione dei Soci e l’approvazione unanime dell’intero CD 2016/2017.

 

·         Conviviali: Piccolo rinnovamento nel modo di svolgere le conviviali, accogliendo relatori validi e ricchi di capacità comunicativa, oltre che di contenuti culturali e professionali, che ci hanno stimolato attenzione e dibattito aperto. Le loro conversazioni con i Soci sono precedute dalla presentazione di un breve riassunto, anche per dar modo di preordinare alcune domande da parte di Soci particolarmente interessati e qualificati.

 

·         Azione Interna e Comunicazione: Aderendo ai ripetuti solleciti del RI,  finalmente disponiamo di un bellissimo e completo bollettino in formato elettronico, che viene redatto da Stefano Lorelli a tempo di record, avvalendosi della redazione di testi e fotografie da parte di Bona Boni ed  Alberto Capilupi ed inserendo le comunicazioni del Segretario Antonio Gorieri e la lettera mensile del Governatore. Il Segretario esecutivo permanente Roberto Rossi lo invia poi per e-mail a tutti i Soci, ai Club Mantovani (gruppi Gonzaga e Virgilio), agli Assistenti del Governatore ed alla segreteria del Distretto 2050. Oltre alle informazioni su quanto fatto, i Soci vi trovano il calendario degli eventi e degli incontri in programma: Aprilo e leggilo, per essere informato e poi partecipare attivamente!

 

·         Gli Interclub Rotariani  hanno consolidato l'amicizia rotariana sul territorio con i Club più vicini, con i quali abbiamo condiviso e contiamo di continuare a condividere sia Conviviali importanti che Azioni Rotariane di rilevo, come l’upgrading dell'ecografo della Neurologia ospedaliera nel 2015/16 o la donazione di nuovi letti-bilancia all'Emodialisi dell’Ospedale attuata e completata con la consegna il 29 maggio scorso (vedi più avanti). Ed anche come il contributo ad  AMICO CAMPUS (vedi poi), al RYLA Distretto 2050 ed al  RYLA Junior Mantova (Capofila Rotary Club Andes di Virgilio Curtatone) (vedi poi).

 

·         Azione Giovani: Insieme, nel corso di Caminetti molto partecipati, abbiamo consolidato il metodo per le nostre Azioni Rotariane (Services sociali e culturali) e abbiamo confermato le nostre disponibilità a proseguire con il sostegno alla formazione dei giovani, coordinato con attenzione da Cristina Bonaglia:

 

Assegni di studio Gorieri a sei migliori studenti degli Istituti superiori di Mantova, finanziati dal nostro Socio Antonio Gorieri in ricordo di suo padre e del suo 50° anno di diploma (€ 6.000), consegnati nel corso della cerimonia conviviale del 10 aprile, con la partecipazione dei Docenti delle scuole superiori interessate.

RYLA Distretto 2050: Abbiamo finanziato una quota di € 600, per sostenere Davide Presutti, giovane neolaureato, che ci ha raccontato efficacemente la sua esperienza positiva ed i suoi progetti di vita e di lavoro nel corso della conviviale del 6 giugno.

RYLA Junior Mantova (€ 500) ed Interact (Contributo € 500 su presentazione scontrini di spesa).

 

·         Azione Scambio Giovani: Kay Edward Jang è stato ospite di una famiglia mantovana per l’intero anno scolastico 2026/17 con il patrocinio ed il supporto del nostro Club. Due giovani studentesse hanno richiesto di partire con lo scambio estivo di 2 mesi, che si attuerà tra breve. Tutor dello studente: Lidia Cagioni.

 

·         Azione Professionale ed Azione Giovani unite sotto forma di sostegno al Rotaract Club Mantova: Proseguiamo nella condivisione di progetti e nel delle attività con il contributo finanziario di € 680, condividendo nostri e loro progetti e partecipando alle loro iniziative di Mentoring, sia con la relazione del Socio Alberto Marenghi il 7 aprile sulla realtà e prospettive dello sviluppo aziendale mantovano, sia con la partecipazione del Socio Luigi Boccia come Medico Chirurgo rotariano al Mentoring dell’Area Padana il 21 aprile a Casalmaggiore ed inoltre con la partecipazione al loro Concerto al Bibiena da parte  del Vicepresidente Giovanni Muriana e altri Soci e familiari il 14 maggio. Tutto ciò consolida i rapporti, l’amicizia ed il  tutoring  ed  incentiva (anche economicamente) la loro partecipazione alle nostre conviviali. Il Presidente 2016/2017, Morris Bottazzi, ha partecipato attivamente alla nostra Conviviale  degli Auguri del 13 dicembre 2016, gestendo il sorteggio dei doni messi in palio e successivamente ha partecipato  ad alcune nostre conviviali. La prossima Presidente Rotaract sarà Teresa Muriana, Figlia del nostro socio Past-president Giovanni e, sono certo, non mancherà la collaborazione!

 

·         Fondazione di Palazzo d’Arco: Azione di sostegno alle attività della Fondazione con la nostra visita del 4 ottobre 2016, mirabilmente guidata dai Rotariani Italo Scaietta e Rodolfo Signorini, nostro Socio Onorario, entrambi Consiglieri della Fondazione stessa, e con il nostro contributo al restauro dei damaschi del salotto rosso (€ 1.000).

 

·         Digitalizzazione Messale di Barbara: Grazie all’interessamento diretto di Bona Boni, abbiamo condiviso con l’Inner Wheel Mantova (Presidente Liana Lanfredi Capilupi) la digitalizzazione del Messale miniato di Barbara di Brandeburgo Gonzaga, rendendone agevole la consultazione presso il Museo Diocesano di Città (Contributo di € 1.500).

 

·         ROTARY AMICO CAMPUS 2017: Azione di solidarietà sociale interclub – interdistretto  con Club leader il RC Mantova Postumia, a favore di disabili e delle loro famiglie. Da domenica 14 a domenica 21 maggio, presso il Villaggio Camping Lido, Pacengo di Lazise. Nostro contributo 2017:  € 1500

 

·         Azione internazionale: Condivisione e sostegno all’Azione rotariana delle vaccinazioni anti-HPV in Bielorussia promossa dal Governatore Angelo Pari (€ 200).

Viaggio Sociale a Dublino e dintorni dal 22 al 25 aprile: 18 Soci rotariani e accompagnatori hanno formato una delegazione di 40 persone, che lunedì 24 aprile ha preso parte alla Conviviale del Rotary Club di Dublino, scambiando i gagliardetti, i saluti e l’amicizia rotariana con la loro Presidente Pamela O’Loughlin ed i soci presenti al buffet lunch delle 12.45.

Missione rotariana del Presidente in carica, della Presidente eletta Cristina Bonaglia, dal Presidente Designato Giampaolo Pasotto, guidati da Franco Amadei, insieme ai rispettivi consorti, a Charleville-Mezieres, per incontrare il Club gemellato Charleville Rimbaud dal 19 al 21 maggio ed esplorare le possibilità di un Azione Rotariana Internazionale da sviluppare insieme nei prossimi due anni sociali.

Partecipazione della Presidente eletta Cristina Bonaglia come Delegata del RC Mantova al Congresso Internazionale di Atlanta, dal 10 al 13 giugno.

 

·         Azione Sociale e Promozione della Salute: Concerto pro Ricerca Diabete: Grande partecipazione individuale al Concerto del 12 gennaio al Teatro Bibbiena a favore della ricerca sul Diabete, organizzato dal Socio Enzo Bonora..

 

·         Azione Sociale di Solidarietà con Caritas Diocesana: Acquisto di libretti ABC Della Solidarietà da Agape Onlus (€ 200) e successivo acquisto di 600 pasti per la mensa della Caritas di CASA San Simone nel periodo prenatalizio (€ 2.000).  

 

·         Azione Sociale: CAV Mantova: Contributo al Centro Aiuto alla Vita di € 500, consegnato nelle mani di Marzia Monelli Bianchi, Presidente, raccolto durante la cena della Caccia Solidale, organizzata con successo da Roberto Rossi il 24 febbraio scorso, con i frutti del suo sport preferito.

 

·         Azione Sociale e Culturale: Società della Musica Mantova: Partecipazione del Club al programma di MantovaMusica 2017 con il contributo € 1.500, per sostenere l’educazione musicale nelle scuole e nelle case di riposo per anziani, e per partecipare (con una presenza purtroppo numericamente limitata) il 1° marzo al concerto di J. S. Bach Sanssouci con Ramin Bahrami, pianoforte e Massimo Mercelli, flauto.

 

 

·         Azione Sociale: Microcredito 2016/2017:  Conferma dell’affidamento infruttifero di € 10.000 della nostra riserva al Microcredito del Consorzio esistente ad hoc sul nostro territorio e verifica del suo utile impiego e consistenza da parte del Segretario Antonio Gorieri       .

 

·         Letti Bilancia per la Dialisi: Grazie alla redazione progettuale di Giovanni Muriana, il progetto della Donazione di nuovi letti-bilancia all'Emodialisi dell’Ospedale entro quest'anno 2016/17, ha ricevuto l'approvazione del Distretto 2050 ed il cofinanziamento della Rotary Foundation (€ 2500, pari a USD 2777) e, ottenuta la condivisione di 5 Club, entrerà  nello score per l'attestato presidenziale. Ha già  visto la grande gara di solidarietà dei nostri Soci, dell'Inner Wheel, di Rotaract ed Interact nella raccolta prenatalizia 2016 di € 1810, grazie al generoso contributo dei partecipanti. Hanno aderito i Club Rotary MN, Inner Wheel, Rotaract, RC Castelli, RC San Giorgio, RC Andes Virgilio, RC Postumia e, con il contributo di € 3500 da parte dell’Associazione AmicoRene Onlus,  è stato raggiunto il primo obiettivo di raccogliere quasi € 12.500, per riuscire a donare 4 nuovi letti-bilancia del valore di 3250 € ciascuno (IVA 22% compresa).

                                                                        

           

                        PROGETTI E AZIONI ROTARIANE IN CORSO

 

      Riporto di seguito una sintesi dei principali progetti in corso di attuazione e, ove necessario, dei fondi stanziati e accantonati o della previsione di spesa, ancora non iscritta a bilancio. Anche questi progetti sono stati unanimemente approvati dall’intero CD 2016/2017.

 

·         Azione interna:  My Rotary: Informazione, training e diffusione tra i soci della piattaforma informatica ufficiale del RI. A cura della dirigenza del Club con particolare attenzione del Segretario Antonio Gorieri, con la Collaborazione dell’Ing. Claudio Ferro, Presidente RC Mantova Castelli e prossimo Assistente del Governatore. Nonostante l’impegno personale profuso, in particolare da Antonio Gorieri e da Cristina Bonaglia, non abbiamo ancora raggiunto un numero soddisfacente di iscrizioni, tale da consentirci di usare la piattaforma My Rotary (Il mio Rotary) per comunicare compiutamente con il Distretto, con il Rotary International e tra i Soci Rotariani di tutto il mondo e per informare adeguatamente tutti di che cosa stiamo facendo noi.

 

·         Palazzo Ducale: Avviato nella primavera 2016 con la condivisione di tutti i Rotary Club della provincia, il progetto di collaborazione con il Palazzo Ducale, confidando anche sull'energia positiva del Direttore Peter Assmann, procede a piccoli passi sotto il coordinamento del nostro pastpresident Erminio Araldi.

 

·         Accademia Virgiliana: Condivisione del Calendario e programma delle Attività dell’Accademia Nazionale Virgiliana , presieduta dal Socio avv. Piero Gualtierotti, con invio dei relativi comunicati ed inviti a tutti i Soci. La partecipazione alle attività dell’Accademia rimane individuale.

 

·         Archivio Capilupi: Sostegno al progetto storico-culturale-editoriale della Dott.ssa Daniela Ferrari sull’Archivio storico della Famiglia Capilupi con € 2.000, dopo averne ascoltata la sintesi nella Conviviale del 17 gennaio scorso. Per gli impegni personali dell’Autrice, la parte editoriale, in gran parte da noi finanziata, non è conclusa e pertanto il contributo rimane temporaneamente accantonato.

 

·         Arredi stanze Mamme Nutrici TIN: Donazione arredi per le stanze di accoglienza delle madri nutrici dei neonati ricoverati presso la Terapia Intensiva Neonatale (TIN) dell’Ospedale c. poma di Mantova. Il progetto, seguito dalla socia Marisa Bonfatti Paini, architetto, insieme a Valeria Angela Fasolato, Direttrice della Struttura Complessa TIN è in fase di realizzazione e attende solo l’approvazione della tipologia particolare degli arredi (che devono essere ignifughi) da parte dell’Ufficio Acquisti dell’Ospedale. Sono stati raccolti a Natale 2015 e accantonati € 3.320, pronti per finanziare l’acquisto di arredi e decorazioni consone.

 

·         Barriere Architettoniche a Mantova: Alberto Capilupi, presidente della commissione progetti, sta conducendo in collaborazione con alcuni soci, con i tecnici del Comune e con Architettura Mantova un'indagine preliminare sulle barriere architettoniche esistenti nel centro storico della Città Unesco. Alla conviviale del 21 marzo l’Arch Marconcini ha presentato le possibilità di collaborazione con il Corso di Laurea in Architettura del Politecnico, sede di Mantova. Finanziamento proposto per Assegno di studio/ricerca finalizzato a raccogliere documentazione utile ad un progetto di abbattimento /riduzione delle barriere: € 3.000.

 

·         Protezione Civile: Il 4 marzo il nostro Governatore 2050 Angelo Pari comunica di aver sottoscritto, insieme ai Governatori dei Distretti lombardi 2041 e 2042 e all’Assessore regionale alla Sicurezza, Protezione Civile ed Immigrazione Simona Bordonali, la convenzione di reciproca collaborazione ed un allegato tecnico. Ad ogni Socio sono arrivate le indicazioni ”per realizzare una sinergia efficiente e gratificante per tutti, Rotary e protezione Civile, assolvendo a quello che è il nostro vero compito, cioè di SERVIRE L’UMANITÀ con le nostre professionalità, FACENDO LA DIFFERENZA!”

 

            Cara Socia e caro Socio, attendendoti sempre più partecipe alla vita Sociale del nostro grande Rotary e rimanendo a tua disposizione per ogni chiarimento od informazione ti fossero utili o necessari, invio a Te ed alla  Tua famiglia i più cordiali saluti ed i migliori auguri per una serena estate da parte di tutti i Consiglieri e mio personale!

 

Mantova, 19 giugno 2017                                                                 Il tuo presidente 2016/2017

 

 

 

 

Integrazione da parte di Alberto Capilupi, Presidente della Commissione Progetti e responsabile del Progetto Barriere architettoniche a Mantova:

 

NASCITA ED EVOLUZIONE DEL PROGETTO

 

1) Rotary Club Mantova - Anno rotariano 2016-17 (Presidente Renzo Tarchini) - Nascita del PROGETTO BARRIERE ARCHITETTONICHE

Proposta di Alberto Capilupi.membro del Consiglio Direttivo, presidente della Commissione Progetti e responsabile del Progetto Barriere Atchitettoniche:


Si potrebbe svolgere un'indagine conoscitiva per verificare se, in un territorio (in un Comune, in più Comuni, ...) le leggi sulle barriere architettoniche sono rispettate, in riferimento ad alcuni aspetti importanti:

edifici pubblici, musei, mostre;

marciapiedi;

negozi, bar, ristoranti, cinema, teatri, impianti sportivi;

bagni di edifici pubblici e di negozi, bar, ristoranti, cinema, teatri, impianti sportivi.

Il progetto potrebbe essere proposto ad altri club rotariani.


Su singoli aspetti o su tutto il tema si potrebbero programmare relazioni in occasione di conviviali, oppure si potrebbero raccogliere documentazioni in forma cartacea o digitale.
A conclusione, dossier unico o dossier separati (su carta o su dispositivi informatici).

Il progetto potrebbe essere pluriennale o addirittura permanente e rientrerebbe (come mi ha già anticipato il Presidente Tarchini) in quelli sostenibili dalla Rotary Foundation.

 

2) 25 novembre 2016 - Incontro con l'assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Mantova, Martinelli.

Incontro con l’assessore Martinelli, fissato dopo un primo incontro preparatorio con l’arch. Ferretti e con la segretaria dell’assessore

Diversi anni fa fu fatto per il Comune di Mantova uno studio (scritto su carta) sull’accessibiità degli spazi urbani dall’arch. Marisa Bonfatti Paini (studio agli atti dei LLPP)

Il P.E.B.A. (Piano Eliminazione delle Barriere Architettoniche), previsto con legge del 1989, non è ancora stato fatto dal Comune di Mantova.

Il PEBA, nato per l’eliminazione delle barriere motorie, è oggi più complesso, perché deve affrontare anche il problema delle barriere sensoriali.

Secondo l’assessore Martinelli,  entro il mandato dovrà essere approvato il PEBA. Così, almeno, può partire. E’ un tema di grande complessità. Si dovrebbe cominciare dal sito UNESCO. I percorsi turistici, l’accesso ai monumenti, molti dei quali non sono però di proprietà comunale. In Comune non c’è un Ufficio Barriere Architettoniche. Ma il Comune ha la possibilità di appoggiarsi all’Università. Per la questione delle barriere architettoniche ci si confronta con le associazioni, che sono circa una ventina. Per partire, dovrà essere delimitata un’area UNESCO, in una parte del Centro Storico; e stabilire lì dentro un percorso. Si dovrà fare una MAPPATURA di tutta l’area. Si dovrebbe creare una PIATTAFORMA DIGITALE in cui mettere dentro tutti i dati. I soldi ci sono, ma devono essere stabilite le priorità per le spese.Il Comune ha già avuto un incontro con l’Università su questo tema. Si potrebbe arrivare a stabilire una convenzione.

A parere del Rotary si deve evitare il rischio che si risolvano alcuni problemi e poi ci si fermi. Questo progetto deve essere impostato per durare vari anni, altrimenti non ha senso. Se il Rotary dovesse da un certo momento in poi trascurarlo, sarebbe opportuno che lo prendesse in carico un’associazione specifica. In pratica, si vorrebbe svolgere e fare svolgere un’azione ricognitiva dell’esistente, stimolando i soggetti (non solo gli enti pubblici, ma anche i privati, a partire dai gestori dei negozi) che hanno la possibilità o il dovere di rimuovere gli ostacoli. Con spirito di collaborazione. Sarebbe proritaria la definizione di percorsi nell’area monumentale del centro storico, partendo dalle strade e dai marciapiedi. Il turista non deve trovare ostacoli nel muoversi in centro e non deve avere difficoltà nell’andare a visitare i monumenti. In sostanza, si dovrebbe cominciare a facilitare la vita a chi è in carrozzella o ha problemi sensoriali, a cominciare da provvedimenti facilmente adottabili. Prima cosa, andare a controllare se sono funzionanti i dispositivi precedentemente installati.

Risultati dell’incontro. Viene stabilito di fatto un rapporto di collaborazione tra assessorato ai Lavori Pubblici del Comune di Mantova e Rotary Club Mantova sul tema dell’abbattimento delle barriere architettoniche.

 

3) Successivamente contatti vari con il Politecnico di Milano - sede di Mantova per un eventuale coinvolgimento di suoi docenti e studenti nel progetto.

 

4) 5 novembre 2016 - Presentazione del Progetto agli altri club rotariani della provincia di Mantova nel corso di una riunione svoltasi all'Hotel Cristallo di Cerese.

Progetto da realizzare in vari anni e da tenere aggiornato.

Progetto 2016/17: in questo anno rotariano, partendo da mappe ipoteticamente esistenti presso le istituzioni territoriali,  raccogliere tutti i dati possibii sugli edifici pubblici e su tutto ciò che è pubblico in riferimento alle barriere architettoniche  (gradini, marciapiedi, bagni, strade, etc.) verificandone sia la presenza sia la funzionalità delle strutture, delle modalità predisposte e dei dispositivi finalizzati al superamento (scivoli, ascensori, montascale, etc.), allo scopo di stimolare, con spirito di collaborazione, le istituzioni pubbliche a mettere in atto efficaci rimedi.

In seguito l’attenzione sarà rivolta verso i bar, i ristoranti, i negozi e, in generale, a tutte le attività aperte al pubblico.

A conclusione di ogni anno rotariano preparare un dossier (in forma digitale e/o su carta).

Proporre inoltre ad altri club rotariani il medesimo progetto, da realizzare nel proprio territorio, seguendo possibilmente modalità comuni e scambiando utili informazioni.

Dopo il primo o il secondo anno il progetto potrebbe essere integrato da un service finanziabile dalla Rotary Foundation.

5) Martedì 21 marzo 2017 - Ristorante Aquila Nigra, Arch. Sebastiano Marconcini: "Barriere Architettoniche a Mantova: riusciremo a eliminarle?"

Barriere architettoniche a Mantova: possiamo eliminarle?

Diverse trasformazioni che si stanno verificando nella società contemporanea hanno portato ad una nuova consapevolezza del ruolo nell’ambiente costruito sul benessere delle persone. In tal senso, assume particolare importante il tema dell’accessibilità. Ancora oggi, molte città non sono in grado di garantire pari opportunità nella fruizione dei propri spazi. In particolare, quanto appena detto è significativo in riferimento ai contesti storici italiani, di cui Mantova è un perfetto esempio.

Per questo è necessario un cambiamento, affinché l’accessibilità rappresenti un requisito, e non più un’opzione, del progetto. La progettazione deve tornare a porre al centro della sua attenzione il rapporto tra uomo ed ambiente costruito. Passaggio fondamentale in questa direzione è conoscere e comprendere per chi si progetta, le persone, che non devono più essere classificate in categorie predeterminate, ma rientrare in un insieme aperto ed in continua evoluzione, l’utenza reale. Serve spostare l’attenzione dalle caratteristiche fisiche ai bisogni delle persone.

È importante riconoscere come l’accessibilità richieda un nuovo approccio al progetto. Si è già parlato dell’importanza ricoperta dallo sviluppo di una prima fase conoscitiva, la quale deve essere ottenuta anche attraverso l’esperienza diretta, affinché l’azione progettuale dia le opportune risposte. Inoltre, è necessario valutare l’importanza di azioni contingenti di carattere gestionale nello sviluppo dell’accessibilità, le quali si rendono necessarie per garantire l’efficacia degli interventi di progettazione inclusiva adottati.
Il caso studio di Mantova, in particolare l’importante asse storico definito “Via del principe”, consente di verificare come un approccio contemporaneo, che tenga conto degli aspetti precedentemente accennati, non solo offra nuove opportunità per favorire l’inclusione delle persone con disabilità nelle città storiche. Questo permette anche di valorizzare il patrimonio storico-culturale stesso, riscoprendo la definizione Unesco di “patrimonio mondiale appartenente a tutte le persone[…]”, luogo ideale dove a chiunque è permesso di partecipare produttivamente e positivamente alle opportunit
à che una città ha da offrire.

In conclusione, la risposta alla domanda del titolo è: sì; non solo è un dovere sociale, ma scopriremo quanto l’accessibilità sia una opportunità per tutti.

 

CV di Sebastiano Marconcini

Laureato in Architettura al Politecnico di Milano nel luglio 2014 con la tesi City for all. Alla ricerca di nuove relazioni fra città, progetto e persone”. Dal novembre 2015 prosegue il suo percorso di ricerca inerente ai temi dell’accessibilità e dell’inclusione, con particolare riguardo al contesto delle città storiche italiane, venendo ammesso con borsa di studio al Corso di Dottorato in Architettura, ingegneria delle costruzioni e ambiente costruito, presso il Politecnico di Milano. Oltre ad aver svolto alcuni incarichi progettuali, contribuisce, nel ruolo di tutor, all’attività didattica presso il Politecnico di Milano, sede di Mantova.

 

6) Come concretizzare il progetto.

Il Rotary Club Mantova apre nel proprio sito web (www.rotarymantova.it) uno spazio, tra i propri Documenti pubblici, dedicato alle barriere architettoniche.

Tale spazio verrà arricchito dai contributi (documentazioni e pareri) dei propri soci e di chiunque voglia partecipare al lavoro.

Oggetto: mettere in rilievo la situazione attuale delle barriere architettoniche nel Comune di Mantova, tramite documentazioni fotografiche e commenti,  cercando di interpretare le esigenze dei residenti e dei turisti e facendo riferimento soprattutto al  centro storico.

Utilità del progetto: il lavoro è al servizio sia degli utenti potenziali (residenti e turisti), sia dell'Amministrazione comunale (per interventi singoli o parziali e per l'approvazione del P.E.B.A - Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche).